Giuseppe Caione

“nobile figura di uomo e di politico dell’essere e non dell’apparire”. Fu ordinario di lettere italiane e latine al liceo Palmieri di Lecce, letterato, conferenziere e saggista, studioso di Dante e Petrarca, sindaco, presidente diocesano di Azione Cattolica.

 

Periodo: 1910 - 1969

“Ha saputo trasferire nella politica, come sindaco di Arnesano, il suo essere cattolico fervente e militante, avendo rivestito le cariche di presidente parrocchiale e diocesano di Azione Cattolica, delegato regionale e del Mezzogiorno, membro della Società operaia e avendo ottenuto varie benemerenze tra cui il Cavalierato di San Gregorio Magno. Una personalità che si è spesa per gli altri, che ha vissuto la politica come umano sentire sociale e amore verso il prossimo”.

X
Torna su